venerdì 5 ottobre 2012

Taboulè




Verso l'inizio di quest'anno ho avuto l'idea di cenare al ristorante libanese con una coppia di amici che c'erano stati alcuni mesi prima. Ero davvero molto scettica, il mio fidanzato ancor di piu' ma volevo provare una cucina diversa e quindi dei sapori diversi da quelli abituali.
Beh, mi sono davvero dovuta ricredere, tutto quello che ho assaggiato mi e' piaciuto da morire, dall'antipasto al dolce. Tanto che poi ci siamo tornati altre 2 volte! Ho portato anche i miei e mia mamma era entusiasta della cucina.
Prima della fine dell'anno ci voglio tornare ancora!!
Li' ho assaggiato il taboulè, la famosa insalata di prezzemolo e bulgur di cui mi sono innamorata (basti pensare che dopo il ristorante libanese, ho preparato il taboulè a casa per ben 7 cene consecutive!!!).
La mia ricetta e' un pò diversa da quella assaggiata al ristorante (li' c'era fin troppo limone e pochissimo bulgur) e per dare maggiore gusto ho deciso di utilizzare dei pomodorini secchi sott'olio.
Ricetta divina!! Appena riusciro' provero' a fare altre ricette della cucina libanese.

INGREDIENTI

Prezzemolo
Bulgur
Pomodorini
Pomodori secchi sott'olio
limone


Cucinare il bulgur come riportato sulla confezione e poi farlo raffreddare. Lavare molto bene il prezzemolo, asciugarlo e tritarlo molto bene con la mezzaluna, tritare anche i pomodori secchi e tagliare a spicchi i pomodorini.
Quando il bulgur e' freddo, versarlo in una ciotola insieme a tutti gli ingredienti preparati e mescolarlo con del succo di limone.
Ottimo come antipasto per una cena in terrazza.
Buon appetito!





lunedì 3 settembre 2012

Torta alle pesche all'olio di oliva






Volevo fare un dolce super veloce e leggero, fresco, che avesse anche della frutta ... ho girato un po' in rete ed ho trovato questa ricetta. Ho voluto provare a farla ed e' veramente buona, in particolare e' decisamente piu' buona il giorno dopo, quando il gusto dell'olio di oliva e' un po' scemato.
Gli ingredienti sono quelli riportati qui , io ho solo sostituito le albicocche con delle buonissime pesche bianche.

INGREDIENTI per una teglia da 24 cm di diametro:

200 gr farina 00
2 uova
150 gr zucchero di canna Demerara
100 gr olio evo (io uso dell'olio evo ligure)
4 pesche bianche
un pizzico di sale
1/2 bustina di cremor tartaro

Lavare le pesche, snocciolarle e tagliare la polpa a fettine. Mescolare le uova insieme allo zucchero di canna e poi aggiungere l'olio evo. Inserire un pizzico di sale e la farina setacciata insieme al lievito.
Versare il composto in una teglia antiaderente precedentemente imburrata e infarinata e sistemare sopra le fettine di pesche. Infornare a 160°C per circa 35 minuti.
Lasciare riposare per un giorno intero e poi tagliare una bella fetta e cospargerla di zucchero a velo!








giovedì 19 luglio 2012

Rollini al farro (con licoli)




INGREDIENTI per una 20ina di rollini:
(Ricetta tratta e modificata da Delizie al Forno edito da Gribaudo-Parragon)

147 gr di licoli rinfrescato
100 gr di burro a temperatura ambiente
250 gr farina di farro bio (ViviVerde della Coop)
1 cucchiaino di sale
150 ml di latte tiepido
25 gr zucchero
1 tuorlo
granelli di zucchero


Licoli rinfrescato ottenuto in questo modo:
1° rinfresco h. 16.30
40 gr licoli
30 gr acqua
30 gr farina di farro bio

2° rinfresco h. 23.15
30 gr acqua
30 gr farina di farro bio

Alle 8 del mattino seguente ho aggiunto al licoli rinfrescato un pò di latte tiepido per scioglierlo bene. Ho aggiunto alternativamente farina e latte, alla fine lo zucchero e il sale.
Ho impastato (a mano) per bene fino ad avvenuta incordatura (prova del velo), circa 10 minuti.
Ho lasciato l'impasto lievitare fino al raddoppio (mi ci sono volute 4 ore).
Ho preso l'impasto, l'ho sgonfiato e l'ho allungato in un rettangolo.
Ho preso un terzo del burro, l'ho messo a scaglie sui due terzi superiori della pasta, ho piegato il terzo inferiore verso l'alto e quello superiore verso il basso, ho voltato la pasta di mezzo giro e proseguito nello stesso modo per altre due volte, fino al termine del burro.
Ho piegato l'impasto in due e messo in frigorifero per 1 ora. Ho preso la pasta e stesa in un rettangolo di 60x20 circa, l'ho diviso in due nel senso della lunghezza e le strisce ottenute le ho divise a loro volta in piccoli rettangoli che ho arrotolato.
Ho messo a lievitare i rollini fino al raddoppio e fatti cuocere nel forno a 200°C per 12 minuti, preventivamente bagnati con il tuorlo allungato con acqua.
Ad alcuni ho aggiunto dei granelli di zucchero.

mercoledì 27 giugno 2012

Pane ai semi di girasole (con licoli)




Ricetta tratta da Il pane delle Dolomiti - Ed. Athesia

INGREDIENTI
160 gr licoli attivo (rinfrescato lasciandolo in frigorifero)
300 gr farina 0 (io kamut)
150 gr farina integrale
50 gr farina di farro
acqua qb
semi di girasole
sale


Sciolto il licoli nell'acqua,aggiunte le farine e mescolato aggiungendo acqua qb.
Aggiunto il sale
Fatto lievitare dalle 22.30 alle 7.30
Formate le palline e fatte lievitare fino alle 10.30
Infornato a 220°C per 16 minuti circa

mercoledì 20 giugno 2012

Croissant sfogliati al farro di Luca Montersino





Avevo scritto che i croissant sfogliati probabilmente non li avrei più fatti, vista la lunga lavorazione che necessita la loro realizzazione e, come volevasi dimostrare, ecco qui con una nuova ricetta di croissant sfogliati, quelli tipo francesi, quelli pieni, zeppi, strabordanti di burro.
Tutto è iniziato per "colpa" di due mie colleghe :-) con le quali abbiamo iniziato a scambiarci reciprocamente i ns libri di cucina. Recentemente abbiamo anche fatto un ordine insieme su Amazon.it spendendo complessivamente ben 130 euro.
Loro hanno acquistato libri di un certo spessore (la raccolta di ricette di C. Felder e la pasticceria salata di Montersino), io invece ho acquistato libri probabilmente più semplici e caserecci.
Sfogliando poi i loro libri mi si è accesa la spia della "competizione positiva", ovvero volevo cimentarmi anch'io in qualcosa di un pò complicato di un autore "complicato".
E Montersino è uno di questi. In particolare per la ermeticità delle sue ricette. Di sue preparazioni io ho provato a fare solo questa, però leggendo un pò le sue ricette, mi sembra dia per scontato alcuni passaggi che, per qualcuno che non è espertissimo di lievitati, non lo sono.
Fortuna che in rete si trova il suo video con la realizzazione proprio di questi croissant e vale la pena guardarlo proprio per rendere un pò più semplice la lavorazione.
Rispetto alla ricetta originale ho dimezzato la quantità di tutti gli ingredienti.


INGREDIENTI (io ho ottenuto 27 brioche)
Per il lievitino:
250 gr manitoba (Lo Conte)
20  gr ldb
115/120 gr di acqua tiepida

IMPASTO
300 gr farina di farro
200 gr manitoba
150 gr zucchero
1 cucchiaio malto liquido
75 gr burro morbido
4 uova medie (circa 210 gr pesate senza guscio) temperatura ambiente
150 gr latte scremato
12 gr sale
PER LA SFOGLIATURA
350 gr burro

Io ho iniziato la preparazione venerdì alle 6 del mattino ed ho terminato di cuocere l'ultima teglia di croissant intorno alle 23 del venerdì stesso.
Giovedì sera, prima di andare a letto, ho tirato fuori i 350 gr di burro e li ho lasciati a temperatura ambiente tutta la notte.
Venerdì mattina ho preso il burro e tra due fogli di pellicola l'ho appiattito in un rettangolo regolare. L'ho rimesso in frigorifero avvolto nella pellicola.
Ho preparato il lievitino versando la farina nella ciotola dell'impastatrice e aggiungendo il lievito sciolto nell'acqua tiepida. Ho formato una palla e l'ho messa in una ciotola piena di acqua tiepida (30°C).
Ho iniziato a preparare l'impasto principale versando nella ciotola dell'impastatrice le due farine con lo zucchero, il malto, le uova alternate al latte.
Il lievitino nel frattempo sarà venuto a galla (grazie all'anidride carbonica sprigionata), strizzarlo bene e versarlo a pezzetti nella ciotola dell'impastatrice.
Aggiungere il burro a pezzetti, successivamente il sale e impastare prima con la foglia e poi con il gancio.
Prendere l'impasto e porlo in frigorifero a lievitare.
Alle 18 era più che raddoppiato, l'ho tirato fuori insieme al burro per sfogliare e l'ho lasciato riposare per una decina di minuti.
Ho versato l'impasto sul ripiano di lavoro, l'ho steso bene in un rettangolo e ci ho messo sopra il burro. Ho chiuso i lembi della pasta avvolgendo il burro, senza che questi si sovrapponessero (vedi video di Montersino), ho steso di nuovo in un rettangolo e fatto le pieghe a 3, come quelle della pasta sfoglia.
Ecco, io qui presa dalla foga di finire velocemente e vedere i risultati, non ho fatto riposare la pasta tra un giro di sfoglia e l'altro e infatti è stata veramente dura fare i giri.
Nonostante tutto ci sono riuscita e ho steso alla fine la pasta in un rettangolone bello lungo che con una rotella taglia pizza ho diviso in 2.
Ho tagliato tanti triangoli isosceli, ho tagliato la base e li ho arrotolati formando i croissant.
Li ho fatti lievitare per 1 ora nel forno intiepidito a 40°C e una volta raddoppiati li ho spennellati con tuorlo d'uovo e un goccio di latte e infornati a 190°C per 17/18 minuti.
Non ho resistito ad assaggiarne uno ancora caldo e se da una parte ho subito notato l'assoluta morbidezza (si scioglieva in bocca) dall'altra ho notato la poca dolcezza dell'impasto, ideale se avessi deciso di farli ripieni di marmellata e non vuoti come poi ho fatto.


martedì 12 giugno 2012

Pane ai cereali (con licoli)




Ricetta tratta da Dolci Dolomiti ed. Athesia

INGREDIENTI:
297 gr licoli attivo (i tempi di rinfresco li ha trascorsi in frigorifero)
250 gr farina di farro
250 gr farina integrale
150 gr farina segale
200 ml latte tiepido
sale
semi vari

Sciolto il licoli in un pò d'acqua, aggiunte le farine e aggiunto latte qb (200 ml).
Aggiunto i semi e infine il sale.
Lievitato dalle 22.50 alle 7.30
Formate le palline che hanno lievitato fino alle 10.30
Infornato a 220°C ventilato per 20 minuti circa

martedì 5 giugno 2012

Focaccia di farro e segale con pesto e pomodori (con licoli)




INGREDIENTI (per una teglia quadrata da 35 cm)

130 gr licoli rinfrescato
300 gr farina di farro bio (Vivi Verde della Coop)
50 gr farina di segale
pesto
pomodori
sale
olio evo

Sciogliere il licoli ottenuto dai rinfreschi in un pò di acqua. Versarci a poco a poco le farine e tanta acqua quanta ne serve per ottenere un panetto sodo. Quando l'impasto è ancora umido aggiungere l'olio e quando questo è assorbito aggiungere il sale.
Far lievitare fino al raddoppio. Stendere l'impasto nella teglia unta di olio, farcirla con il solo pesto e lasciarla lievitare ancora mezz'ora.
Accendere il forno a 200°C, nel frattempo tagliare i pomodori a fettina e farli scolare dalla loro acqua in eccesso. Sistemarli sulla focaccia, aggiungere un pò di olio evo e infornare per 15/16 minuti.

giovedì 24 maggio 2012

Shortbread al cioccolato



Ricetta tratta da I love Torte di Trish Deseine



INGREDIENTI:

250 gr di burro freddo di frigorifero (la ricetta prevedeva burro salato ma io ho usato quello normale con mezza puntina di fior di sale)
85 gr di zucchero
300 gr di farina 00
25 gr di cacao


Scaldare il forno a 150 gradi. Versare nel mixer il burro freddo tagliato a cubetti, la farina, lo zucchero, il cacao e miscelare tutto.
Versare l'impasto sul piano di lavoro e lavorarla con le mani. Adagiare l'impasto su una teglia imburrata, livellarlo e metterlo in forno per 50 minuti.
Una volta pronto, lasciarlo raffreddare e poi tagliarlo a cubetti.

lunedì 21 maggio 2012

Pasta brise' al farro con agretti e verdure





INGREDIENTI:


Per la pasta:

250 gr farina di farro
150 gr burro morbido tagliato a cubetti
1 uovo
acqua fredda
Semi di lino
semi di sesamo
2 cucchiaini di sale (*)


Per il ripieno:

500 gr di agretti (barba di frate)
scamorza affumicata
olive taggiasche
2 patate piccole lessate


(*) questa quantita' di sale a mio avviso era troppa, dimezzarla.


Preparare la pasta versando tutti gli ingredienti nel recipiente del mixer, azionarlo, e aiutandosi con un cucchiaio versare un po' di acqua in modo che si formi un impasto omogeneo. Avvolgerlo con la pellicola e farlo riposare in frigorifero.

Accendere il forno a 200 gradi.

Iniziare a preparare il ripieno bollendo per qualche minuto gli agretti precedentemente puliti e lavati. Scolarli e lasciarli raffreddare.
Cucinare i pomodori e le olive in una padella antiaderente, salando e pepando a piacere.
Quando si e' tutto raffreddato versare gli ingredienti in una ciotola insieme ai cubetti di scamorza affumicata e mescolare.
Stendere la pasta molto sottilmente, versare gli ingredienti nella prima meta' della pasta e arrotolare. Chiudere le estremita', pennellare la superficie con olio evo e infornare per 30 minuti circa.

lunedì 14 maggio 2012

Marmellata di kiwi e vaniglia



INGREDIENTI per 4 vasetti da 250 gr

1,5 kg di kiwi a pezzetti, al netto della buccia
il succo di mezzo limone + la sua buccia
100 gr zucchero
mezzo cucchiaino di semi di vaniglia

Versare la polpa dei kiwi in una padella in acciaio dal fondo spesso, quando inizia a spappolarsi, sminuzzarla con il minipimer, aggiungere il succo del limone e la buccia, far cuocere fino a quando non si addensa. Verso la fine della cottura aggiungere la vaniglia. Riempire i vasi precedentemente lavati e bollirli per 20 minuti. Toglierli una volta che l'acqua si è raffreddata

lunedì 7 maggio 2012

Riso pilaf agli asparagi





INGREDIENTI per 1 porzione


80 gr riso Basmati
acqua
carota
cipolla
sedano
asparagi
filetti di acciughe sott'olio aromatizzate al prezzemolo e aglio
olio evo
sale
pepe
coriandolo essiccato



Accendere il forno a 180°C.
Rosolare il riso insieme a un filo d'olio, aggiungere una quantita' doppia di acqua e portare a ebollizione. Spegnere e infornare per 10 minuti.

In una padella preparare un soffritto con carota, cipolla, sedano e farlo rosolare nell'olio. Aggiungere gli asparagi puliti e tagliati a rondelle. Cucinare per una decina di minuti, quando quasi pronti aggiungere l'acciuga e farla sciogliere.
Salare e pepare quando basta. Mescolare al riso e macinare un po' di coriandolo.

Con questa ricetta partecipo al contest di Ti cucino cosi'



mercoledì 2 maggio 2012

Fusilli corti agli asparagi




Adoro letteralmente gli asparagi, li mangerei tutti i giorni, sono deliziosi in qualsiasi modo vengano preparati e poi sono poco calorici e molto diuretici.


INGREDIENTI per 1 persona

80 gr di fusilli corti
asparagi
filetto di acciuga sott'olio aromatizzato all'aglio e rosmarino
Parmigiano Reggiano 24 mesi
olio
sale e pepe



Pulire gli asparagi e tagliarli a rondelle.
In una padella antiaderente versare un po' d'olio nel quale sciogliere il filetto di acciuga.
Aggiungere gli asparagi e far cuocere per qualche minuto (se si dovessero attaccare aggiungere un po' d'acqua).
Quando pronti spappolarli con una forchetta.
Cucinare la pasta in acqua salata, scolarla e versarla nel sugo.
Spolverare con il Parmigiano Reggiano e portare in tavola.


Con questa ricetta partecipo al contest di Le Mezze Stagioni




martedì 24 aprile 2012

Focaccia di segale e patate con olive e aglio (con licoli)



Mamma mia che buona questa focaccia!!! Ne mangerei a tonnellate ....
L'ho fatta con la parte di licoli che non ho rinfrescato e invece di buttarla, l'ho fatta diventare una focaccia strepitosa!

INGREDIENTI:
337 gr di licoli avanzato dai rinfreschi
120 gr farina di segale
100 gr farina 00
150 gr patate lessate e schiacchiate
olive nere
2 spicchi di aglio
il succo di mezzo limone
sale

Versare il licoli nella ciotola della planetaria e farlo sciogliere con un pò di acqua. Aggiungere le farine, le patate e 1 cucchiaino di sale. Se serve, aggiungere acqua fino ad amalgamare il tutto.
Lasciare lievitare in forno intiepidito (a 40°C) per 2.5 ore circa, stendere la focaccia su una teglia unta d'olio e farcirla con le olive precedentemente aromatizzate con 2 spicchi d'aglio tritati e il succo di mezzo limone.
Infornare a 220°C per 15 minuti.
E' squisita!


Con questa ricetta partecipo al contest: Piknikiamo! del Blog Peccato di Gola, di Giovanni




giovedì 19 aprile 2012

Torta molto leggera al cacao



Questa torta va giù da sola talmente è leggera.

Ricetta tratta (e modificata) da I love Torte di Trish Deseine

INGREDIENTI:

4 uova (io 3 uova)
100 gr di zucchero (io 80 gr di zucchero)
75 gr di farina (io 60 gr di farina di riso)
1 cucchiaino di lievito (io 1 cucchiaino di cremor tartaro)
25 gr di cacao (io 20 gr)


Scaldare il forno a 180°C. Rompere le uova nella ciotola dell'impastatrice e aggiungere lo zucchero prima di azionare la macchina con la frusta. Sbattere fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso e la frusta lascia l'impronta quando la togliete dall'impastatrice. Aggiungere delicatamente farina, cremor tartaro e il cacao, sollevando l'impasto.
versare in uno stampo imburrato del diametro di 24 cm e cuocete per 45 minuti. Sfornarla su una griglia e lasciarla raffreddare.

Con questa ricetta partecipo al contest di Arte in Cucina



lunedì 16 aprile 2012

Risotto integrale alla salsiccia




INGREDIENTI per 1 persona:

70 gr di riso Arborio integrale
1 salsiccia (ma anche meno, la mia porzione era decisamente abbondante)
pepe
sale
olio evo
vino bianco
brodo vegetale
1 scalogno





In una padella far rosolare lo scalogno affettato con un po' di olio evo, aggiungere la salsiccia privata del budello, dopo qualche minuto il riso e farlo rosolare.
Quando e' rosolato aggiungere del vino bianco e quando questo e' evaporato iniziare ad aggiungere un mestolo di brodo alla volta. Quando pronto, regolare di sale, pepe e impiattare.
E' veramente saporitissimo!


Con questa ricetta partecito al contest di Nella cucina di Ely

mercoledì 11 aprile 2012

Nocciolata



Qualche tempo fa avevo comprato un sacchettino di miscela per Nocciolata e l'altro giorno ho deciso di provarla e il risultato ha sorpreso di molto le mie aspettative!

INGREDIENTI:
Miscela già pronta per Nocciolata (mix di farina di nocciole, amido di mais e zucchero)
1 uovo
80 gr di burro ammorbidito
80 ml di acqua
1/2 bustina di cremor tartaro

Mescolare gli ingredienti con un cucchiaio, versarli in una teglia imburrata e cuocere in forno già caldo a 180°C per circa 25 minuti.

martedì 3 aprile 2012

Pane al farro e grano saraceno con licoli



INGREDIENTI:

180 gr di licoli super attivo
500 gr miscela per pane al farro e grano saraceno di Molino Spadoni
220 gr acqua
olio
sale


Licoli super attivo ottenuto in questo modo:

3 febbraio ore 7.00
1° rinfresco

65 gr licoli
40 gr manitoba
40 gr acqua

3 febbraio ore 19.00
2° rinfresco

40 gr manitoba
40 gr acqua

4 febbraio ore 7.00
3° rinfresco

40 gr manitoba
40 gr acqua

4 febbraio ore 17.30
4° rinfresco

60 gr manitoba
60 gr acqua


Alle 24.00 il licoli super attivo ottenuto l'ho versato nella ciotola dell'impastatrice e l'ho fatto sciogliere con un pò di acqua. Ho aggiunto la farina, l'acqua, olio e per ultimo il sale.
Ho impastato per diversi minuti e poi l'ho fatto lievitare dalle 00.15 alle 6.00 nel forno intiepidito. Ne ho fatto dei panini che a loro volta ho fatto lievitare nel forno intiepidito dalle 6.30 alle 9.50
Li ho infornati a 200°C per 15 minuti.

giovedì 29 marzo 2012

Croissant di Paoletta in versione semi-integrale








Posso dire che per me la colazione è il pasto più importante della giornata, quello che a seconda di come lo faccio, mi fa iniziare la giornata con il piede giusto o sbagliato.
Per me la colazione deve essere composta anche da un qualcosa di dolce, gli zuccheri danno energia e al mattino quanta energia necessitiamo per trascinarci al lavoro?
Da lunedì a venerdì la faccio prevalentemente a casa, se non qualche volta che mi sveglio tardi e allora mi fermo in uno dei 2 bar che ci sono lungo la strada; il sabato e la domenica la si fa tassativamente al bar con briosche alla marmellata e cappuccino bollente, seduti tranquilli ai tavolini chiacchierando e leggendo il giornale.
E cosa c'è di meglio nel portare un pò l'atmosfera del bar anche in casa?
Ebbene, ho provato i croissant sfogliati di Paoletta quelli che ho sempre considerato un miraggio, quelli che per me sono sempre stati inarrivabili.
Queste foto a dir la verità sono vecchie, mooolto vecchie (ottobre 2010), non mi sono mai decisa di pubblicarle non so bene neppure io per quale motivo, però mi sono detta ora o mai più!!!
La sfogliatura probabilmente non sarà perfettamente riuscita ma assicuro che il gusto e la morbidezza hanno meritato la faticaccia e il tempo impiegati per farli.
L'unica cosa che ho variato è stata la farina, ho voluto farli in versione semi-integrale, ma non mi dispiacerebbe una volta provare a farli integrali al 100% !!! Anche perchè, con tutto il burro che c'è, la farina integrale mi fa sentire un pò meno in colpa sui grassi che sto ingerendo :-)

Ecco le note che mi ero appuntata all'epoca:

NOTE: l'unica difficoltà che ho avuto è stata nel dare la forma al panetto di burro, probabilmente ci ho messo troppo tempo ma il burro si è molto sciolto e nonostante mettessi sempre farina ha iniziato ad appiccicarsi alla carta forno. Infatti non era molto regolare il panetto, però il risultato finale mi ha soddisfatta ugualmente. Per il resto non ho avuto nessuna difficoltà.
RASSODAMENTO: i tempi di rassodamento scritti da Paola non li ho molto rispettati, nel senso che tra una piega e l'altra ho lasciato l'impasto in frigo anche 1 ora o più perchè dopo 40 minuti il pacchetto mi sembrava ancora troppo morbido.
TEMPO: il tempo per farli è stato tanto, forse troppo: ho iniziato a impastare alle 9 del mattino e ho iniziato la prima infornata (delle 4) alle 19 .... decisamente tempi lunghi ... certo, quando ne ho addentato uno la fatica è improvvisamente scomparsa ma sincermente non credo li farò ancora...ma mai dire mai :-)

La ricetta non la posto perchè non la trovo più, se mi cimenterò di nuovo aggiornerò il post con le quantità esatte, per cui vi rimando al post di Paoletta super dettagliato con tanto di foto .....



martedì 27 marzo 2012

Crostata con crema al limone



RICETTA TRATTA (e un pò modificata) DA "Torte & Biscotti" edito da Food Editore
Ingredienti (per una tortiera da 27 cm di diametro + 6 tortine da 9 cm di diametro)
300 gr farina 00
100 gr farina Kamut
2 uova
180 gr zucchero
180 gr burro
1/2 bustina lievito in polvere (omessa)
1 bacca di vaniglia (semini)

per la crema:
3 limoni non trattati
50 gr di burro
40 gr farina 00
1/2 lt latte
80 gr zucchero

Versate le farine nel recipiente del mixer, aggiungere le uova, lo zucchero, il burro ammorbidito, i semini della vaniglia e mescolare fino ad ottenere una pasta liscia e compatta. Lasciatela riposare per 30 minuti in frigorifero coperta con un canovaccio umido.
Lavate bene i limoni, grattuggiate la scorza, tagliateli a metà e spremetene il succo.Ponete il burro in una pentola e fatelo sciogliere lentamente sul fuoco. Quindi aggiungere la farina, amalgamando velocemente per evitare che si formino grumi. Versare poco per volta il succo dei limoni, la scorza grattuggiata, il latte e lo zucchero continuando a mescolare. Riportate a ebollizione e lasciate cuocere per 2 minuti, mescolando sempre (la mia crema ci ha messo un pò prima di addensarsi, tanto che ho dovuto aggiungere diversi cucchiai di farina).
Riprendere la pasta, lavoratela ancora con le mani,quindi stendetela non molto sottilmente con il mattarello eadagiatela su una teglia di 27 cm di diametro precedentemente imburrata. Tenete un pò di pasta da parte per la decorazione. Versate la crema sopra la pasta, ripiegate verso l'interno la pasta posta sui bordi e con quella rimanente, fate delle strisce da disporre in diagonale creando una rete. Infornate la crostata a 180°C per circa 40 minuti e fate cuocere fino a doratura
Con la pasta avanzata ho foderato 6 stampini da crostatine da 9 cm di diametro che ho riempito con marmellata di clementine homemade.

martedì 20 marzo 2012

Contorno di broccolo romano all'uvetta



Ma quanto bello è il broccolo romano?
Ne ho fatto un contorno veloce e stuzzicoso.

INGREDIENTI:
Broccolo romano
acciughe sott'olio aromatizzate al prezzemolo e aglio
uvetta
olio evo


Dividere il broccolo in cimette, lavarle e lessarle. Quando pronte, scolarle. In una padella antiaderente far sciogliere le acciughe aromatizzate nell'olio, aggiungere le cimette, l'uvetta e cuocere per un paio di minuti.
Servire immediatamente.

mercoledì 14 marzo 2012

Sgombro farcito con patate




Prima volta che ho cucinato lo sgombro, ma di certo non l'ultima.
Pesce azzurro, ricco di Omega3, con carne leggermente grassa e molto saporita.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE
2 sgombri
1 patata lessata
timo
1 spicchio di aglio
mezzo scalogno
pangrattato
limone
sale
pepe
olio evo
Accendere il forno a 200°C.
Incidere il ventre e togliere le interiora. Lavare i pesci e asciugarli con dello scottex.
Schiacciare la patata lessata e raffreddata in una terrina e mescolarla insieme al timo, lo spicchio di aglio e mezzo scalogno tritati, olio, sale, pepe e un pò di limone
Con il composto farcire l'interno dei pesci e legargli con dello spago da cucina.
Adagiati su una teglia ricoperta di carta forno condirli con un pò di olio evo e una spuzzata di pan grattato.
Infornare per circa 20 minuti.

mercoledì 7 marzo 2012

Focaccia di kamut al radicchio e montasio con licoli





La farina di Kamut la uso molto spesso sia nella preparazione del pane ma anche della pizza. Questa volta ho usato il mio fantastico licoli per questa altrettanto fantastica focaccia!!



INGREDIENTI:

206 gr di licoli super attivo
500 gr farina kamut
250 ml circa di acqua
600 gr radicchio di Treviso lavato e tagliuzzato
100 gr montasio a cubetti

Il licoli super attivo l'ho ottenuto in questo modo:
18 gennaio ore 7.00
1° rinfresco

licoli 32 gr
acqua 22 gr
manitoba 22 gr

18 gennaio ore 21.25
2° rinfresco aggiungendo:

acqua 25 gr
manitoba 25 gr

19 gennaio ore 7.10
3°rinfresco aggiungendo:

acqua 26 gr
manitoba 26 gr

19 gennaio ore 21.30
4° rinfresco aggiungendo:

acqua 30 gr
manitoba 30 gr

Quest'ultimo rinfresco ha lievitato fino alle 9.30 della mattina successiva.

Una volta ottenuto il licoli super attivo, l'ho messo nella ciotola dell'impastatrice e sciolto con un pò di acqua. Ho aggiunto la farina, l'acqua, per ultimo il sale e impastato per qualche minuto.
Quando l'impasto è stato pronto, l'ho fatto lievitare dalle 10 alle 16.30.
L'ho diviso poi in due pezzi, con una ho ricoperto una pirofila del diametro di 28 cm unta di olio, l'ho cosparsa del radicchio e del montasio e l'ho ricoperta con la pasta rimanente sigillando bene i bordi. L'ho spennellata con un pò di olio e l'ho infornata a 200°C per circa 25 minuti. Squisita!!!!

NOTA: ho notato solo dopo che l'impasto era forse un pò troppo per una tortiera da 28 cm, la prossima volta diminuire le dosi oppure utilizzare la pasta rimanente per dei panzerotti.

Con questa ricetta partecipo a questa raccolta, ma lascio all'autrice del blog la decisione di accettare o meno la mia ricetta in quanto il licoli l'ho rinfrescato con la farina manitoba.



lunedì 5 marzo 2012

Tacchino arrosto alla birra ripieno di asparagi e crudo





INGREDIENTI:

1 fesa di tacchino da circa 500/600 gr in un solo pezzo
asparagi
prosciutto crudo
1 birra chiara
concentrato di pomodoro
farina
olio evo
sale
pepe




Prendere la fesa di tacchino, lavarla, asciugarla ed aprirla a libro. Batterla leggermente con il batticarne. Salare e pepare la superficie, adagiare le fette di crudo e successivamente gli asparagi uno di fianco all'altro.Arrotolare strettamente la carne, legarla e cucinarla su un tegame in cui abbiamo sciolto una noce di burro insieme a dell'olio evo e delle foglie di salvia. Farla rosolare bene su tutti i lati e aggiungere la birra. Informare il rotolo a 180∞C per una 40ina di minuti girandolo spesso e bagnandone la superficie con il liquido.
Quando il rotolo Ë pronto, estrarlo dalla teglia mantenendolo al caldo, versare il liquido rimasto in una padella antiaderente e aggiungere un cucchiaio di concentrato di pomodoro e 1 cucchiaino di farina. Accendere il gas  e far restringere il tutto.
Servire le fettine di rotolo con un pÚ di sugo accompagnato da una insalatina.

mercoledì 29 febbraio 2012

Orata al pomodoro e radicchio



INGREDIENTI:
2 orate già pulite
pomodorini
radicchio
acciughe
olio evo
timo

Accendere il forno a 180°C.
Lavare le orate, inserire nel ventre dei rametti di timo e adagiarle su una pirofila coperta di carta forno. Aggiungere i pomodorini precedentemente lavati e tagliati e un paio di acciughe sott'olio tagliuzzate. Infine cospargere con del radicchio. Condire con un filo di olio evo e infornare fino a cottura (per me c'è voluta meno di mezz'ora).
Un piatto semplice ma dal sapore incredibile.

mercoledì 22 febbraio 2012

Ciabatta con biga poolish



Questo è un pane divino, con una mollica soffice e ariosa e una crosta bella croccante.
Per la sua cottura munitevi di una pietra refrattaria (io ce l'avevo già in dotazione con il forno ma tempo fa le avevo viste anche all'OBI nel reparto dei BBQ).
Questo è un pane un pò lungo da realizzare ma la sua esecuzione è davvero semplice. L'unico "problema" che ho avuto è stato nel trasferimento del pane dal telo di lievitazione alla pietra refrattaria ma per il resto è davvero tutto molto semplice.
La ricetta l'ho presa dal libro Il pane fatto in casa di Ciril Hitz. Ho seguito pari pari le indicazioni riportate sul libro variando solo la quantità di lievito e facendo molte più pieghe di rinforzo.

INGREDIENTI:
Per la biga poolish:
300 gr farina 00
3 gr di lievito di birra
300 gr di acqua

Per l'impasto
biga poolish
600 gr farina 00
3 gr di lievito di birra
2,5 cucchiaini di sale
acqua qb


Nell'introduzione del libro non si parla di setacciare la farina. Io invece, quando si tratta di lievitati dolci e salati, la setaccio sempre, perchè questo comporta un maggiore apporto di aria alla farina. Quindi, per preparare la biga poolish, dopo aver setacciato la farina nella ciotola dell'impastratrice, versare l'acqua in cui si è sciolto il lievito di birra. Con la foglia mescolare bene per 5/6 minuti fino a quando si è tutto amalgamato. Versare l'impasto in una ciotola leggermente unta di olio evo e lasciare lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio (ci vorrà tutta la notte, se la temperatura invece è molto bassa ci vorrà ancora di più).
Questo è un impasto idratato che avrà un aspetto molliccio e ingestibile.
Quando la biga poolish ha lievitato, versarla nuovamente nella ciotola dell'impastratrice a cui aggiungeremo la restante farina, sempre setacciata, e piano piano l'acqua in cui abbiamo sciolto i 3 gr di lievito di birra. Ad impasto ancora umido aggiungere il sale e impastare fino a quando anche questo è stato incorporato all'impasto. Ne risulterà un impasto molto molliccio, a cui sarà impossibile dare una forma. Fare la prova del velo (*)
Versare l'impasto in una ciotola unta d'olio e far lievitare per circa 30 minuti, poi fare una serie di piegature di rinforzo (**), lasciar riposare 30 minuti e fare un'altra serie di piegature. Procedere così per 3-4 volte,fino a quando vedrete che l'impasto prenderà forza  e sarà facile da manipolare (io di pieghe ne ho fatte circa una decina).
Terminate le pieghe, lasciar riposare l'impasto 30 minuti.
Accendere il forno a 250°C con la pietra refrattaria all'interno e la vaschetta di acqua per creare vapore.
Riprendere l'impasto e senza manipolarlo troppo dividerlo in pezzi da disporre su teli abbondantemente infarinati.
Coprire il pane e lasciarlo lievitare per circa 30 minuti. Prendere i singoli panini e disporli sulla pietra refrattaria facendo in modo che la parte dell'impasto che si trovava sotto durante la lievitazione, durante la cottura si trovi sopra.
Cuocere per 35-40 minuti, se durante la cottura il pane dovesse scurirsi troppo, coprire con un foglio di alluminio.

(*) Prova del velo (cito testualmente il libro):
Con questa prova capirete se la struttura del glutine si é ben sviluppata nell'impasto durante la lavorazione. Prendere un pezzo di impasto e stiratelo lentamente. Se il glutine ha formato un reticolo adeguato, l'impasto si allungherà di molto prima di strapparsi.

(**) pieghe di rinforzo (cito testualmente il libro):
alcuni impasti richiedono una serie di piegature di rinforzo per svilupparsi al meglio. La procedura è la seguente: collocate l'impasto sul tavolo davanti a voi, prendere il lato destro e tiratelo verso l'esterno con delicatezza; ripiegatelo poi su se stesso a coprire la  parte centrale della massa. Ripetete l'operazione con il lato sinistro. Prendere ora il lato più vicino a voi e ripiegatelo nello stesso modo verso il centro; poi sarà la volta dell'altro lato. Raccogliete infine la massa dell'impasto e disponetela dentro al contenitore in cui avverrà la lievitazione.

giovedì 16 febbraio 2012

Strangozzi al tartufo estivo ai broccoli mantecati con montasio



INGREDIENTI per 1 persona
60 gr strangozzi al tartufo estivo
olio evo
sale
broccoli già cotti
montasio grattuggiato

Cuocere la pasta in abbondante acqua salata per il tempo indicato sulla confezione. Nel frattempo ungere una padella antiaderente con un filo di olio evo in cui abbiamo aggiunto mezzo spicchio d'aglio tritato. Farlo rosolare e aggiungere i broccoli. Far insaporire e con una forchetta schiacciare i broccoli fino a farli diventare quasi una pasta.
Scolare la pasta, versarla nella padella, amalgamare il tutto e aggiungere il montasio grattuggiato mantecando il tutto.

lunedì 13 febbraio 2012

Sogliola alla mugnaia con purè ai piselli




INGREDIENTI:
sogliola
patate
piselli
farina
vino bianco
salsa worchestershire
burro

Prendere la sogliola, lavarla, asciugarla e cospargerla di farina su entrambi i lati eliminando la parte eccedente.
Mettere una noce di burro in una padella antiaderente, quando sciolto aggiungere la sogliola facendola rosolare 2-3 minuti per lato.
Aggiungere poco vino bianco, qualche goccia di salsa Worcestershire e far evaporare.
Preparare un purè di patate, e a parte cuocere dei piselli con due dita d'acqua. Quando pronti, passarli con il frullatore ad immersione e aggiungere la purea alle patate.
Impiattare e mangiare.

mercoledì 8 febbraio 2012

Pane super soffice con lievito liquido (licoli)

Ormai avevo perso tutte le speranze, dopo 1 mese di inutili tentativi stavo per mollare il colpo. Non riuscivo a capire dove stessi sbagliando visto che seguivo passo passo i procedimenti, ma non ne voleva sapere di nascere. Poi ho trovato questa ricetta e mi sono convinta nel provarla, mi sono data l'ultima possibilità.
E ci sono riuscita, il mio LICOLI è nato!!! E la gioia nel guardarlo gonfiarsi sempre più è stata immensa, saltavo di gioia e il mio moroso non riusciva a capire il perchè del mio stato d'animo nel vedere una pastella bianca gonfiarsi.
Questa è la foto del mio licoli gonfissimo:




Fino a un anno e mezzo fa anche io avevo la famosa pasta madre ma fin da subito la sua gestione non è stata per niente semplice, infatti mi è durata qualche mese, poi l'ho fatta morire. Questo licoli invece è di una comodità pazzesca, lo rinfresci, lo fai lievitare, lo metti in frigo e non ci pensi più per mooolto tempo, dicono anche 1 mese.
Io a dire il vero ho provato a mantenerlo in frigorifero per un mese ma poi quando l'ho dovuto rinfrescare ho avuto diversi problemi, il lievito non reagiva e sembrava fosse passato a miglior vita. Poi invece a forza di fare rinfreschi su rinfreschi è rinato e quindi ora non rischio più di tenerlo inattivo per così tanto tempo.
L'ho creato a metà dicembre 2011, quindi sto ancora cercando di capire bene come usarlo, ma questo primo pane è riuscito alla grande. L'ho fatto già due volte ed è veramente sofficissimo!! La ricetta l'ho preso dall'ideatrice di questo licoli, esattamente qui  apportando alcune modifiche al procedimento (l'ho semplicemente impastato, fatto lievitare fino al raddoppio (anche oltre), formato i panini, fatti lievitare ancora fino al raddoppio e infornato a circa 200°C, queste variazioni non hanno avuto conseguenze negative sull'ottima riuscita) e riproporzionando gli ingredienti in base alla quantità di licoli rinfrescato.
La ricetta non la riporto perchè è la stessa che si trova qui.
E qui una foto, spero si riesca a percepire quanto morbidi siano questi panini.

lunedì 6 febbraio 2012

Crostata alla confettura di clementine



INGREDIENTI:
250 gr farina 00
125 gr zucchero
135 gr burro
1 uovo
1 tuorlo
sale
confettura di clementine homemade


Inserire tutti gli ingredienti nel mixer e frullare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Avvolgerlo nella pellicola e lasciarlo in frigorifero per mezz'ora/1 ora.
Stendere la pasta non troppo sottile su una teglia con fondo estraibile da 24 cm di diametro imburrata e infarinata, bucherellarla, ricoprirla di confettura di clementine home-made, adagiare la decorazione e infornare a 180°C (il forno deve essere già caldo) per 30/40 minuti circa.

martedì 31 gennaio 2012

Orata al pomodoro



Forse questa ricetta sarà un pò "banale" ma adoro il pesce cucinato in maniera semplice, senza troppo intingoli, che mi faccia sentire tutto il suo sapore.

INGREDIENTI per 2 persone:
2 orate di circa 500 gr totali già pulite
una decina di pomodorini
origano fresco
olio evo
aglio tritato
sale e pepe

Prendere le orate e lavarle. Aggiungere all'interno l'origano fresco e pochissimo sale.
Versare un pò di olio evo in una padella antiaderente insieme a dell'aglio tritato finissimo. Far rosolare quest'ultimo e aggiungere le due orate. Aggiungere anche i pomodorini tritati e cucinare (inizialmente con coperchio) fino a cottura, aggiungendo sale e pepe secondo i propri gusti.
Spinare e servire.

mercoledì 25 gennaio 2012

Ai lettori di Sale & Pepe

Prendo spunto da questo post per dire la mia in merito a ciò che è successo. Anche io ho comprato Sale e Pepe di dicembre 2011 con l'allegato, scoprendo poi che non era altro che una estrapolazione dal libro del Cavoletto - Regali Golosi. Mi ero ripromessa che non avrei più comprato la rivista ma ci sono ricaduta con il numero di febbraio e il suo allegato che alla fine non era altro che l'estrapolazione dal libro di Trish Deseine - I love Torte .
Io ovviamente questi 2 libri li possiedo da mesi e mesi e in nessuna parte della rivista ho trovato scritto che gli allegati facevano riferimento a quelle pubblicazioni, sennò neppure li avrei comprati.
Vista la presa in giro ho scritto alla direttrice ma sinceramente dubito mi risponderà, se mai lo farà pubblicherò la sua risposta.
Io, ad ogni modo, la rivista non la compro più, vista la totale assenza di correttezza verso i suoi lettori. E stavolta non cambio idea.
State in guardia.

martedì 24 gennaio 2012

Spaetzle di carote nere con coriandoli di pancetta affumicata aromatizzati al rosmarino



Mamma che titolo altisonante che mi è venuto! Capita (spesso) che alla sera io non sappia cosa cucinare: la pasta preferisco non farla alla sera, un'insalata al mio moroso non basta, la solita bistecca ... uffa che noia ..., le uova alla sera io non le digerisco, il pollo ormai non lo posso più vedere ... insomma è sempre un terno al lotto.
Anche settimana scorsa è capitata la stessa cosa, ho persino chiesto alle mie colleghe dei suggerimenti (e non è da me!) ... alla fine però ho avuto l'illuminazione .. e che illuminazione!!
La prima volta è stato un esperimento, non sapevo proprio che cosa ne sarebbe uscito ma siccome è venuto fuori un piatto squisitamente goloso, ho voluto rifarlo, fotografarlo e rimangiarlo.
Il fidanzato ha apprezzato moltissimo e ha voluto fare il bis!

INGREDIENTI:
Carote nere
uova
pancetta affumicata
sale
pepe
farina
rosmarino



Tritare le carote, lavate e pulite, molto finemente nel mixer. Versarle in una padella antiaderente e cucinarle senza l'aggiunta di nessun tipo di grasso/acqua. Cuocere fino a quando diventano tenere.
Spegnere il gas e una volta raffreddate versarle in una ciotolina. Aggiungere 1 uovo medio, sale, pepe e della farina. La consistenza deve essere esattamente come quella dei classici spaetzle di spinaci.
Mescolare bene e lasciare riposare 10 minuti, il tempo di far bollire l'acqua nella pentola.
Quando bolle versare nell'apposito attrezzo (o in un semplice schiacciapatate) qualche cucchiaiata di composto, posizionarsi sopra la pentola e schiacciare per far uscire gli gnocchetti.
Cuocere fino a quando vengono a galla, scolarli con la schiumarola e versarli in una ciotola piena di acqua fredda.
Quando gli spaetzle sono finiti, cucinare la pancetta nella stessa padella in cui abbiamo cotto le carote aggiungendo un rametto di rosmarino. Aggiungere gli spaetzle quando la pancetta è pronta e amalgamarli per bene. Se necessario dare ancora una spolverata con pepe e sale, togliere il rosmarino e impiattare.
Certo, per la presenza della pancetta non è propriamente un piatto light ma merita davvero!

mercoledì 18 gennaio 2012

Biscotti nati per caso



Questi biscotti non sarebbero dovuti nascere, è iniziato tutto con il voler fare un pandoro seguendo questa ricetta ma non ha funzionato, l'impasto non ha lievitato e invece di buttarlo via, ho provato a farne dei biscotti che non erano proprio male.
Riporto pari pari il testo (ho cambiato solo la quantità di ldb iniziale)

INGREDIENTI:

Per il lievitino:
60 gr acqua tiepida
50 gr farina manitoba
15 gr lievito di birra
10 gr di zucchero
1 tuorlo

Sciogliete il lievito nell'acqua, aggiungete gli altri ingredienti, mescolate bene con una forchetta, coprite con della pellicola e fate lievitare per un'oretta o finchè il volume iniziale non sia raddoppiato.


INGREDIENTI DA AGGIUNGERE
lievitino
2 cucchiai di acqua tiepida
400 gr farina manitoba
3 uova
125 gr di zucchero
5 gr ldb
sale
170 gr di burro

Inserire nella ciotola dell'impastatrice il ldb sciolto nell'acqua tiepida, il lievitino e la farina. Azionare la macchina e aggiungere lo zucchero, un uovo alla volta e infine il burro a tocchetti.
Qui l'impasto va fatto lievitare nello stampo da pandoro, ma a me non ha lievitato, quindi ho steso la pasta e formato dei biscottini che ho infornato a 180°C per 15 minuti circa.
Una volta raffreddati spolverizzare di zucchero a velo.

venerdì 13 gennaio 2012

Biscotti muscovado e nocciole



Ogni tanto mi prende lo shopping compulsivo, vedo una cosa e dico: deve essere mia! Come ho fatto fino ad ora a non averla! E state sicure che prima o poi compro sempre quello che mi metto in testa!
E' successa la stessa cosa per un delizioso stampino per biscotti che, cosa fantastica, permette anche di scrivere sui biscotti stessi!!
L'ho ordinato e appena ho avuto l'occasione l'ho messo subito in pratica. Io con le cose manuali semplici sono un pò imbranata, ho sempre smontato e rimontato la mia moto senza problemi ma alcune cose manuali di cucina, che potrebbero essere considerate decisamente più semplici di viti, ganci, carene etc etc , non mi riescono proprio. La scritta su questi biscotti non mi è venuta proprio benissimo, ma so che la prossima volta verranno perfetti !!!


INGREDIENTI per una 40ina di biscotti:
250 gr farina 00
125 gr burro
150 gr zucchero semolato
150 gr zucchero muscovado
una manciata di nocciole tritate
1 uovo

In una ciotola versate la farina setacciata, il burro, gli zuccheri e lavorate il composto con i polpastrelli fino a quando tutto è amalgamato. Aggiungere l'uovo e le nocciole tritate e amalgamare con una spatola. Formate una palla e mettere in frigo per 1 ora.
Accendete il forno a 160°C. Riprendere la palla, staccarne un pezzetto e appiattirlo con un mattarello su di una spianatoia infarinata. Formate i biscottini e trasferiteli in una teglia ricoperta di carta da forno. Continuate fino alla fine del composto. Infornate per circa 10 minuti e poi fate raffreddare su di una gratella per dolci.
Uno di questi biscotti tira l'altro !! Si mantengono fragranti per molto, molto tempo.
Buon appetito!

martedì 10 gennaio 2012

Lingonbrod - Pane dell'Ikea


Quando vado all'Ikea non mi fermo mai alla Bottega Svedese, quest'estate invece ho curiosato un pò e ho trovato questa farina Lingonbrod. Ho provato a prenderne un pacco e il gusto non é male.
Io ho usato il lievito di birra e non la bustina di lievito contenuta nella confezione.

INGREDIENTI:
1 kg  di farina Lingonbrod
1 cucchiaio di germe di grano
1 cucchiaio di malto d'orzo
acqua qb
5 gr di lievito di birra
sale

Sciogliere il lievito in pochissima acqua tiepida e versarlo nella ciotola dell'impastatrice in cui c'è anche la farina Lingonbrod. Aggiungere acqua q.b. e quando il composto è ancora umido aggiungere il malto d'orzo e successivamente il sale.
Essendoci pochissimo lievito di birra, la lievitazione è molto lunga, se si avesse fretta, aumentarne la quantità.
Riporre la palla ottenuta in una ciotola unta di olio e aspettare che raddoppi. Una volta raddoppiato, prendere l'impasto e dividerlo in palline dando loro la forma voluta e adagiandole su una placca ricoperta di carta forno. Aspettare che i panini raddoppino e poi infornare in forno già caldo a 180°C.
Ottimi a colazione con la marmellata.


Related Posts with Thumbnails