mercoledì 27 aprile 2011

Cookies con riso soffiato




Volete un biscottino facile, gustoso e sopratutto pronto (tra preparazione e cottura) in meno di 45 minuti?
Eccoli qui, dei fantastici cookies con riso soffiato


INGREDIENTI:
(Ricetta tratta e modificata dal libro Biscotti & Dolcetti - Edizioni del Baldo)

125 gr di burro
125 gr di farina
2 manciate di gocce di cioccolato
75 gr di zucchero
15 gr di riso soffiato
1 uovo
mezza bustina di lievito per dolci




Sciogliere il burro a bagnomaria, mescolare insieme lo zucchero e l'uovo formando una pastella omogenea. Togliete la pentola dall'acqua e aggiungere farina e lievito sempre continuando a mescolare. Aggiungere ora il riso soffiato e le gocce di cioccolato.
Una volta pronto versate il composto in una ciotola e ponetela nel freezer per una ventina di minuti.
Intanto accendere il forno a 150°C. Trascorso il tempo, tirate fuori la ciotola, prendete una piccola porzione di impasto e formate delle palline che adagerete su una teglia ricoperta di carta forno (le palline devono essere belle distanti tra di loro, perchË cuocendosi tenderanno ad allargarsi). Ponete la teglia in forno per 9 minuti.
I biscotti devono rimanere molto morbidi in superficie, raffreddandosi si induriranno.

giovedì 21 aprile 2011

Vermicelli di riso alla mediterranea


Ecco una ricettina un pò diversa dal solito ma molto veloce e gustosa.
Tempi di cottura: sui 10 minuti!



INGREDIENTI per 1 persona:



70 gr di vermicelli di riso

5-6 pomodorini

1 zucchina piccola

olio evo

sale


Cucinare gli spaghetti come indicato sulla confezione (nel mio caso in acqua bollente salata per pochissimi minuti aggiungendo un cucchiaino di olio affinchè non si attacchino). In una padella cucinare la zucchina e pomodorini tagliati a pezzettini. Se si dovesse attaccare aggiungere un pò di acqua.

Scolare la pasta e versarla nella padella con il condimento. Impiattare e mangiare.

E' un primo piatto molto originale e leggero.
 
Con questa ricetta partecipo al contest di Mamma Papera Blog
 
 

lunedì 18 aprile 2011

Riso Venere con capesante



Ora che la mia predilizione per il Riso Venere l'ho spiattellata ai quattro venti QUI, QUI e QUI,  continuo con una ricettina veramente speciale. A me e al fidanzato è piaciuta molto. E' stata la prima volta che ho usato le capesante per un risotto e di sicuro non sarà l'ultima.



INGREDIENTI (per 2 persone):

180 gr di Riso Venere
6 capesante belle cicciottole
5-6 pomodorini
prezzemolo
brodo vegetale
sale rosa dell'Himalaya


Staccare la capasanta dalla sua conchiglia, lavarla bene sotto l'acqua corrente e tagliarla a pezzettoni. Tagliare a pezzettoni anche i pomodori. Mettere il tutto in una padella antiaderente (senza olio/burro) e cucinare a fuoco basso per pochi minuti. Quando pronto aggiungere un pò di sale rosa dell'Himalaya macinato fresco.
Nel frattempo in un'altra padella aggiungere un filo di olio e una volta caldo aggiungere il Riso Venere e farlo rosolare. Aggiungere poi il brodo vegetale e far cucinare a fuoco medio mescolando di tanto in tanto e aggiungendo il brodo se dovesse servire.
Una volta raggiunta la cottura, aggiungere le capesante precedentemente cucinate, mescolare bene per far amalgamare i sapori, aggiungere prezzemolo fresco e mangiare subitissimo.
Molto semplice ma altrettanto gustoso.
Buon appetito.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta de Cucina Piccolina

venerdì 15 aprile 2011

Spaghetti con radicchio e crudo




INGREDIENTI PER 2 PERSONE:


150 gr di spaghetti
1 cespo di radicchio rosso lungo
100 gr di prosciutto crudo



Tagliare a listarelle il radicchio, lavarlo per bene e sistemarlo in una padella antiaderente senza averlo troppo scrollato dall'acqua. Accendere la padella e cucinarlo a fuoco basso. Nello stesso tempo spezzettare il crudo e versarlo dopo qualche minuto dall'inizio della cottura nella stessa padella. Cuocere per una decina di minuti finchè il radicchio non si sarà appassito.
Cucinare la pasta in abbondante acqua salata e quando pronta versarla scolata nella padella con il condimento. Mescolare bene, impiattare e mangiare.
Buon appetito.

mercoledì 13 aprile 2011

Pane alla soia




Diversi mesi fa avevo comprato della farina di soia che non ho mai utilizzato e non mi ricordo neppure perchè l'avessi presa (mah!) così in prossimita della sua scadenza ho ben pensato di utilizzarne un pò per farne dei bei panini.
Non avevo mai mangiato il pane alla soia però assaggiarlo così da solo ad essere sincera non mi è piaciuto particolarmente, ha un gusto abbastanza marcato, insomma deve piacere.
Io lo mangio alla mattina con la marmellata e così mi piace davvero molto!!!
Questa volta ho usato il lievito di birra e la biga, cioè un pre-impasto di farina acqua e lievito di birra che da maggiore spinta all'impasto finale a cui poi viene aggiunto.

La prossima volta devo provare a fare una biga con meno lievito e di conseguenza con tempi di lievitazione più lunghi, 5 gr in effetti mi sembravano un pò tantini però per questa prima volta ho voluto seguire fedelmente la ricetta.
Tra l'altro ho avuto anche un pò di problemi con l'impasto, nel senso che l'ho lasciato lievitare ben oltre il tempo necessario però il risultato non Ë stato per nulla compromesso: ne sono usciti dei panini morbidissimi con un leggero colorito giallognolo e da un sapore intenso [forse troppo :-) ]


INGREDIENTI:
(ricetta tratta da : Pane, focacce, pizze - L'Italia del Gusto - La biblioteca di Repubblica)



BIGA
200 gr farina 0
5 gr di lievito di birra
200 gr di latte



PER L'IMPASTO
biga
600 gr farina 00
200 gr farina di soia
20 gr di lievito di birra
olio evo
sale
ACQUA q.b.




PROCEDIMENTO:

ORE 18.00

Ho impastato gli ingredienti per la biga intiepidendo appena il latte e mescolandoci insieme il lievito di birra. Una volta sciolto ho aggiunto la farina, impastato e messo a lievitare a temperatura ambiente (circa 20 gradi) fino al raddoppio (3 ore)


ORE 21.00
Una volta che la biga è raddoppiata ho aggiunto tutti gli altri ingredienti e mescolato per far amalgamare bene. Prima con la foglia poi con il gancio fino a incordatura. Ne risulta un impasto morbidissimo e sofficioso.
L'ho lasciato lievitare e sono andata a vedere la tv. Verso la mezzanotte ho visto che era già raddoppiato se non di più ma non avevo nessunissima voglia di mettermi a lavorare, avevo sonno e volevo andare a letto. L'ho lasciato lì e sono andata a letto puntandomi la sveglia presto per il giorno dopo (anche se era domenica!!!).

ORE 7.00
Alle 7 del giorno dopo mi sono alzata e pensavo avrei trovato il mio impasto inutilizzabile invece con mia enorme sorpresa era lievitato ancora ed aveva un bellissimo aspetto!!
Ne ho preso delle porzioni sui 70 gr e ne ho formato dei panini: praticamente i panini si formavano da soli talmente malneabile era l'impasto, una goduria!!!
I panini li ho adagiati sulla solita teglia rivestita di carta forno e li ho fatti lievitare per un'oretta. Durante questa oretta sono andata a farmi una bella camminata, sono passata al mio bar a far colazione e quando son tornata a casa i panini erano diventati belli cicciottoli.
Ho acceso il forno a 200°C una volta raggiunta la temperatura ho leggermente inumidito i panini con un pennello imbevuto di acqua per renderli più croccanti e ho infornato. La cottura è stata di circa 20 minuti.
Come tutto il pane che faccio, una volta raffreddato l'ho messo nel freezer.

Insomma questo è stato un pane molto buono (ma non da solo, per il mio personale gusto) che rimane morbidissimo anche una volta cotto.

lunedì 11 aprile 2011

Orecchiette pugliesi con i broccoli




Durante il nostro recente soggiorno in Basilicata e Puglia, siamo rimasti molto colpiti dalle impressionanti quantità di cibo mangiate dai local e tutti ci siamo chiesti: ma come fanno ad avere una linea invidiabile se mangiano tutto quel cibo lì? In effetti di persone in sovrappeso ne ho viste davvero poche e le ragazze erano tutte magre e molto belle.
Mah, rimane un mistero, sta di fatto che mi era bastata una settimana di soggiorno per sentire i jeans che stavano un pò stringendo (e se considero pure che camminavamo 12 ore al giorno senza sosta mi chiedo come sarei se non avessi fatto nulla).
Quando siamo stati a Lecce, abbiamo conosciuto una coppia amica di A. & B. che, gentilissima, ci ha portato in giro per la città facendoci scoprire i luoghi più nascosti e magici. Io purtroppo ero nel pieno della febbre ma nonostante questo ho retto quasi tutto il giorno su e giù per le varie stradine. Questa coppia, è stata poi anche cosÏ gentile da regalarci la pasta tipica della Puglia, le orecchiette, che io credevo sarebbero state bianche invece con mia grande sorpresa mi hanno detto che la tipicità delle orecchiette pugliesi sta nel fatto che sono integrali.



INGREDIENTI per 4 persone:


300 gr di orecchiette integrali
400 gr di broccoli
peperoncino
olio evo
sale



Pulire i broccoli, lavarli bene e cuocerli in un'ampia pentola piena di acqua, in cui poi verr‡ cucinata la pasta. Lessare i broccoli per il tempo necessario (nel mio caso circa 25/30 minuti) e quando pronti scolarli bene con una schiumarola e trasferirli in una padella in cui avrete messo a soffriggere uno spicchio d'aglio in un filo l'olio e del peperoncino (qui ovviamente la quantit‡ dipende dal gusto personale). A ripresa del bollore, versare le orecchiette nell'acqua di cottura dei broccoli. Nell'altra padella, mentre i sapori dei broccoli e peperoncino si amalgamano, con un cucchiaio di legno schiacchiare grossolanemente i broccoli, cosÏ da farne quasi una salsa. Quando le orecchiette sono pronte, scolarle, versarle nella padella con il condimento, mescolare per bene e impiattare.
Sono davvero buonissime!



venerdì 8 aprile 2011

Il Portogallo...

In questo periodo ho una tremenda nostalgia di un posto magnifico in cui siamo stati proprio un anno fa: il Portogallo.


E' un paese che il mio fidanzato voleva vedere e io senza troppo convincimento gli dissi si andiamo, convinta che non ci sarebbe stato niente da vedere. Invece con mio stupore ho dovuto ricredermi: è un paesaggio dai mille volti, dalla gente dai ritmi moooooooooooooooolto tranquilli, dei colori stupendi e un cielo azzurro come pochi.

Un paese in cui vorrei tanto tornare ma per il momento riguardo le foto per rivivere le sensazioni di quel periodo.

















mercoledì 6 aprile 2011

Riso Venere con gamberetti, zucchine e pomodorini




Questa, almeno fin'ora, è la versione del riso Venere che gradisco maggiormente. E' a dir poco superba !!



INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

400 gr di Riso Venere

200 gr gamberetti

1 pezzettino di cipolla

1 zucchina di medie dimensioni

una decina di pomodorini

dado vegetale home-made

vino bianco q.b.



Prendete un piccolo pezzo di cipolla e tritatela finemente e trasferitela a rosolare in una padella antiaderente in cui avrete messo un filino d'olio evo. Quando la cipolla sarà appassita ma non bruciata, aggiungere il riso Venere che farete tostare. Aggiungere un bicchiere circa di vino bianco e farlo evaporare.

Quando sarà evaporato aggiungere tanta acqua quanto serve a coprire il riso e, fino a cottura ultimata, aggiungerne nel caso in cui ce ne fosse bisogno.

In un'altra padella, sempre antiaderente, inserire i gamberetti, la zucchina tagliata a cubettini ed i pomodorini tagliati a metà e se la cottura lo richiedesse, anche dell'acqua per non bruciare il tutto (non aggiungo il sale perchè sarà già presente nel dado vegetale (LINK!!!) che userò per il riso).

Quando al riso mancheranno pochi minuti per essere pronto, versate il condimento sul riso, aggiungere poco dado vegetale, amalgamare il tutto e impiattare.

A me questa versione mi fa impazzire!!!

Buon appetito
Related Posts with Thumbnails