giovedì 29 marzo 2012

Croissant di Paoletta in versione semi-integrale








Posso dire che per me la colazione è il pasto più importante della giornata, quello che a seconda di come lo faccio, mi fa iniziare la giornata con il piede giusto o sbagliato.
Per me la colazione deve essere composta anche da un qualcosa di dolce, gli zuccheri danno energia e al mattino quanta energia necessitiamo per trascinarci al lavoro?
Da lunedì a venerdì la faccio prevalentemente a casa, se non qualche volta che mi sveglio tardi e allora mi fermo in uno dei 2 bar che ci sono lungo la strada; il sabato e la domenica la si fa tassativamente al bar con briosche alla marmellata e cappuccino bollente, seduti tranquilli ai tavolini chiacchierando e leggendo il giornale.
E cosa c'è di meglio nel portare un pò l'atmosfera del bar anche in casa?
Ebbene, ho provato i croissant sfogliati di Paoletta quelli che ho sempre considerato un miraggio, quelli che per me sono sempre stati inarrivabili.
Queste foto a dir la verità sono vecchie, mooolto vecchie (ottobre 2010), non mi sono mai decisa di pubblicarle non so bene neppure io per quale motivo, però mi sono detta ora o mai più!!!
La sfogliatura probabilmente non sarà perfettamente riuscita ma assicuro che il gusto e la morbidezza hanno meritato la faticaccia e il tempo impiegati per farli.
L'unica cosa che ho variato è stata la farina, ho voluto farli in versione semi-integrale, ma non mi dispiacerebbe una volta provare a farli integrali al 100% !!! Anche perchè, con tutto il burro che c'è, la farina integrale mi fa sentire un pò meno in colpa sui grassi che sto ingerendo :-)

Ecco le note che mi ero appuntata all'epoca:

NOTE: l'unica difficoltà che ho avuto è stata nel dare la forma al panetto di burro, probabilmente ci ho messo troppo tempo ma il burro si è molto sciolto e nonostante mettessi sempre farina ha iniziato ad appiccicarsi alla carta forno. Infatti non era molto regolare il panetto, però il risultato finale mi ha soddisfatta ugualmente. Per il resto non ho avuto nessuna difficoltà.
RASSODAMENTO: i tempi di rassodamento scritti da Paola non li ho molto rispettati, nel senso che tra una piega e l'altra ho lasciato l'impasto in frigo anche 1 ora o più perchè dopo 40 minuti il pacchetto mi sembrava ancora troppo morbido.
TEMPO: il tempo per farli è stato tanto, forse troppo: ho iniziato a impastare alle 9 del mattino e ho iniziato la prima infornata (delle 4) alle 19 .... decisamente tempi lunghi ... certo, quando ne ho addentato uno la fatica è improvvisamente scomparsa ma sincermente non credo li farò ancora...ma mai dire mai :-)

La ricetta non la posto perchè non la trovo più, se mi cimenterò di nuovo aggiornerò il post con le quantità esatte, per cui vi rimando al post di Paoletta super dettagliato con tanto di foto .....



martedì 27 marzo 2012

Crostata con crema al limone



RICETTA TRATTA (e un pò modificata) DA "Torte & Biscotti" edito da Food Editore
Ingredienti (per una tortiera da 27 cm di diametro + 6 tortine da 9 cm di diametro)
300 gr farina 00
100 gr farina Kamut
2 uova
180 gr zucchero
180 gr burro
1/2 bustina lievito in polvere (omessa)
1 bacca di vaniglia (semini)

per la crema:
3 limoni non trattati
50 gr di burro
40 gr farina 00
1/2 lt latte
80 gr zucchero

Versate le farine nel recipiente del mixer, aggiungere le uova, lo zucchero, il burro ammorbidito, i semini della vaniglia e mescolare fino ad ottenere una pasta liscia e compatta. Lasciatela riposare per 30 minuti in frigorifero coperta con un canovaccio umido.
Lavate bene i limoni, grattuggiate la scorza, tagliateli a metà e spremetene il succo.Ponete il burro in una pentola e fatelo sciogliere lentamente sul fuoco. Quindi aggiungere la farina, amalgamando velocemente per evitare che si formino grumi. Versare poco per volta il succo dei limoni, la scorza grattuggiata, il latte e lo zucchero continuando a mescolare. Riportate a ebollizione e lasciate cuocere per 2 minuti, mescolando sempre (la mia crema ci ha messo un pò prima di addensarsi, tanto che ho dovuto aggiungere diversi cucchiai di farina).
Riprendere la pasta, lavoratela ancora con le mani,quindi stendetela non molto sottilmente con il mattarello eadagiatela su una teglia di 27 cm di diametro precedentemente imburrata. Tenete un pò di pasta da parte per la decorazione. Versate la crema sopra la pasta, ripiegate verso l'interno la pasta posta sui bordi e con quella rimanente, fate delle strisce da disporre in diagonale creando una rete. Infornate la crostata a 180°C per circa 40 minuti e fate cuocere fino a doratura
Con la pasta avanzata ho foderato 6 stampini da crostatine da 9 cm di diametro che ho riempito con marmellata di clementine homemade.

martedì 20 marzo 2012

Contorno di broccolo romano all'uvetta



Ma quanto bello è il broccolo romano?
Ne ho fatto un contorno veloce e stuzzicoso.

INGREDIENTI:
Broccolo romano
acciughe sott'olio aromatizzate al prezzemolo e aglio
uvetta
olio evo


Dividere il broccolo in cimette, lavarle e lessarle. Quando pronte, scolarle. In una padella antiaderente far sciogliere le acciughe aromatizzate nell'olio, aggiungere le cimette, l'uvetta e cuocere per un paio di minuti.
Servire immediatamente.

mercoledì 14 marzo 2012

Sgombro farcito con patate




Prima volta che ho cucinato lo sgombro, ma di certo non l'ultima.
Pesce azzurro, ricco di Omega3, con carne leggermente grassa e molto saporita.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE
2 sgombri
1 patata lessata
timo
1 spicchio di aglio
mezzo scalogno
pangrattato
limone
sale
pepe
olio evo
Accendere il forno a 200°C.
Incidere il ventre e togliere le interiora. Lavare i pesci e asciugarli con dello scottex.
Schiacciare la patata lessata e raffreddata in una terrina e mescolarla insieme al timo, lo spicchio di aglio e mezzo scalogno tritati, olio, sale, pepe e un pò di limone
Con il composto farcire l'interno dei pesci e legargli con dello spago da cucina.
Adagiati su una teglia ricoperta di carta forno condirli con un pò di olio evo e una spuzzata di pan grattato.
Infornare per circa 20 minuti.

mercoledì 7 marzo 2012

Focaccia di kamut al radicchio e montasio con licoli





La farina di Kamut la uso molto spesso sia nella preparazione del pane ma anche della pizza. Questa volta ho usato il mio fantastico licoli per questa altrettanto fantastica focaccia!!



INGREDIENTI:

206 gr di licoli super attivo
500 gr farina kamut
250 ml circa di acqua
600 gr radicchio di Treviso lavato e tagliuzzato
100 gr montasio a cubetti

Il licoli super attivo l'ho ottenuto in questo modo:
18 gennaio ore 7.00
1° rinfresco

licoli 32 gr
acqua 22 gr
manitoba 22 gr

18 gennaio ore 21.25
2° rinfresco aggiungendo:

acqua 25 gr
manitoba 25 gr

19 gennaio ore 7.10
3°rinfresco aggiungendo:

acqua 26 gr
manitoba 26 gr

19 gennaio ore 21.30
4° rinfresco aggiungendo:

acqua 30 gr
manitoba 30 gr

Quest'ultimo rinfresco ha lievitato fino alle 9.30 della mattina successiva.

Una volta ottenuto il licoli super attivo, l'ho messo nella ciotola dell'impastatrice e sciolto con un pò di acqua. Ho aggiunto la farina, l'acqua, per ultimo il sale e impastato per qualche minuto.
Quando l'impasto è stato pronto, l'ho fatto lievitare dalle 10 alle 16.30.
L'ho diviso poi in due pezzi, con una ho ricoperto una pirofila del diametro di 28 cm unta di olio, l'ho cosparsa del radicchio e del montasio e l'ho ricoperta con la pasta rimanente sigillando bene i bordi. L'ho spennellata con un pò di olio e l'ho infornata a 200°C per circa 25 minuti. Squisita!!!!

NOTA: ho notato solo dopo che l'impasto era forse un pò troppo per una tortiera da 28 cm, la prossima volta diminuire le dosi oppure utilizzare la pasta rimanente per dei panzerotti.

Con questa ricetta partecipo a questa raccolta, ma lascio all'autrice del blog la decisione di accettare o meno la mia ricetta in quanto il licoli l'ho rinfrescato con la farina manitoba.



lunedì 5 marzo 2012

Tacchino arrosto alla birra ripieno di asparagi e crudo





INGREDIENTI:

1 fesa di tacchino da circa 500/600 gr in un solo pezzo
asparagi
prosciutto crudo
1 birra chiara
concentrato di pomodoro
farina
olio evo
sale
pepe




Prendere la fesa di tacchino, lavarla, asciugarla ed aprirla a libro. Batterla leggermente con il batticarne. Salare e pepare la superficie, adagiare le fette di crudo e successivamente gli asparagi uno di fianco all'altro.Arrotolare strettamente la carne, legarla e cucinarla su un tegame in cui abbiamo sciolto una noce di burro insieme a dell'olio evo e delle foglie di salvia. Farla rosolare bene su tutti i lati e aggiungere la birra. Informare il rotolo a 180∞C per una 40ina di minuti girandolo spesso e bagnandone la superficie con il liquido.
Quando il rotolo Ë pronto, estrarlo dalla teglia mantenendolo al caldo, versare il liquido rimasto in una padella antiaderente e aggiungere un cucchiaio di concentrato di pomodoro e 1 cucchiaino di farina. Accendere il gas  e far restringere il tutto.
Servire le fettine di rotolo con un pÚ di sugo accompagnato da una insalatina.
Related Posts with Thumbnails