domenica 21 novembre 2010

Spaghetti alla carbonara del mio amore




In casa nostra la regina della cucina sono io :-)) e quando sto ai fornelli desidero avere tutto lo spazio per me. Il mio fidanzato si diletta poco nel cucinare soprattutto perchè io non glielo permetto quasi mai :-) . Solo in un'occasione gli lascio tutta la cucina: quando fa i suoi impareggiabili spaghetti alla carbonara.


Io li ho fatti sempre come ho visto fare per anni e anni da mia mamma e la prima volta il suo procedimento mi lasciò abbastanza perplessa "no amore guarda che sbagli, non è così .. devi fare in un altro modo .... " e lui mi diceva "lasciami fare e poi mi dirai".

Sta di fatto che ora quando ho voglia di carbonara io mi metto sul divano e lui prepara il tutto. Un piatto eccezzionale con la giusta dose di parmigiano e pepe! Ho provato a convincerlo perchè scrivesse la ricetta direttamente lui nel blog ma vuole mantenere la sua tecnica segreta, quindi cercherò di descrivere io la preparazione, anche se non è facile, perchè quando sta ai fornelli non vuole che io invada il suo territorio :-))) ed è già tanto se mi ha permesso di immortalarlo durante la fase di mescolamento :-))))


INGREDIENTI per 2 persone:

170 gr di spaghetti

80/90 gr di pancetta affumicata a cubetti (ci vorrebbe il guanciale ma la pancetta va bene lo stesso)

2 tuorli d'uovo

parmigiano

sale

pepe



In una padella antiaderente, senza l'aggiunta di nessun altro tipo di grasso (olio/burro), far rosolare la pancetta fino a quando diventa croccante. In un piatto sbattete con una forchetta i tuorli d'uovo insieme al parmigiano e al pepe (qui ci si regola in base ai propri gusti).

Fate bollire la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente (ma non troppo) e versatela ancora umida nella padella con la pancetta. Senza accendere il gas, aggiungete l'uovo e distribuitelo in modo uniforme senza grumi. Aggiungete eventualmente ancora una spruzzata di pepe. Servite la pasta caldissima!!

PS: che fame che mi è venuta!!

Buon appetito!!

giovedì 18 novembre 2010

Crumble ai frutti di bosco



In questo periodo sto facendo uno svuota-tutto della dispensa, così da non far scadere nulla.


L'altra sera avevo voglia di un dolcetto e volevo qualcosa di super veloce e soprattutto un qualcosa che non mi avrebbe fatto sporcare mille cose. Nel freezer avevo dei frutti di bosco e nella dispensa alcune nocciole e fiocchi d'avena avanzati da qui , quindi ho provato a fare il mio primo crumble ... e con successo direi.

Cos'è il crumble? E' un dolce (ma può anche essere salato) composto da un fondo di frutta e sopra da un mix di farina, burro e altre cose a discrezione di quello che si ha in casa che una volta in forno si trasforma in una crosticina croccante.





INGREDIENTI per 2 persone:



300 gr di frutti di bosco misti surgelati

qualche pezzettino di burro

3/4 cucchiai di farina

3/4 cucchiai di fiocchi d'avena

una decina di nocciole grossolanamente tritate

sale




Fate scongelare i frutti di bosco e scolateli bene dall'acqua in eccesso. In una piccola ciotola inserite il burro a pezzetti freddo di frigo, la farina, le nocciole grossolanamente tritate e i fiocchi di avena. Mescolate per bene con le mani facendo in modo che tutta la farina venga assorbita dal burro e che ad un primo esame visivo, non si veda più.

Distribuite i frutti di bosco in due coppette monoporzione e copriteli con il composto ottenuto. Mettete in forno già caldo a 180°C e fate cuocere per circa 30 minuti.

Davvero delizioso e va benissimo anche se avete ospiti all'ultimo minuto.

Buon appetito !!!


domenica 7 novembre 2010

La Liguria

Lo scorso weekend, quello del ponte del 1° Novembre, l'abbiamo trascorso in Liguria ma dal punto di vista meteorologico non siamo stati molto fortunati, infatti ha piovuto da sabato sera a lunedì ininterrottamente. Fortunatamente però almeno il sabato siamo riusciti a farci una bella camminata ed ho scattato così alcune foto. Piccola constatazione: ma che bella è la Liguria? E che clima stupendo c'è? Domenica siamo stati anche al casinò di Sanremo ed ho giocato per la prima volta alla Slot Machines ... ovviamente non ho vinto nulla e sinceramente non mi è neppure piaciuto, pensavo fosse più divertente la cosa .... certo che vedere poi persone forsennate che giocavano senza sosta una quantità smisurata di soldi mi ha fatto una gran brutta impressione ...
Ecco alcune foto

























mercoledì 3 novembre 2010

Cracker con pomodorini secchi (con pasta madre)



Ricetta per smaltire della pasta madre che avete in eccesso. Risultato? Dei cracker sfiziosissimi che potete fare con qualsiasi cosa abbiate in frigo (aromi vari, olive o altro ... ) ma anche al naturale con una spruzzata di fleur de sel



INGREDIENTI (ricetta tratta da qui e modificata un pò)

300 gr di pasta madre

acqua tiepida q.b.

circa 15 cucchiai colmi di farina 0

30 gr circa olio evo

1 cucchiaino di sale

una decina di pomodori secchi



fleur de sel (ved. nota in fondo)

olio evo



Accendete il forno a 160/170°C.

Inserite la pasta madre spezzettata nella ciotola dell'impastatrice insieme a tanta acqua tiepida quanta necessaria per sciogliere la pasta madre e mescolatela con la foglia. Aggiungete poi tanta farina setacciata quanta vi serve per ottenere un impasto sodo. Quando l'impasto è ancora umido aggiungere 1 cucchiaino colmo di sale e alla fine aggiungere i pomodori secchi sminuzzati con il mixer continuando ad impastare. Quando è tutto amalgamato, sostituite la foglia con il gancio e impastate per pochi minuti girando l'impasto un paio di volte.

Togliete la palla che si sarà formata e stendetela sulla spianatoia con il mattarello in un rettangolo molto sottile [ecco, i cracker della foto, quelli fatti la prima volta, erano troppo grossi, successivamente quando li ho rifatti (ma non ho fatto le foto) li ho fatti mooooolto più sottili (circa 1 mm di spessore) e sono venuti decisamente più fragranti!!], trasferite l'impasto sulla carta da forno, spennellatelo di abbondante olio e fleur de sel. Tagliatela in quadrati o nelle forme che più gradite e trasferite la carta da forno direttamente nella teglia che infornerete per 12 minuti (nel mio caso questo tempo è stato esattamente quello che mi è servito perchè si cucinassero i cracker, ma come al solito ogni forno è storia a sè). Quando pronti trasferiteli su una gratella a far raffreddare. E' preferibile mangiarli il giorno stesso, perchè il giorno dopo hanno già perso parte della loro fragranza.

Davvero squisiti anche come stuzzichini !! Uno tira l'altro.



Approfitto di questa ricetta per partecipare a questa "scadenza" settimanale :-)







*********************************

NOTE:

Il fior di sale (o fleur de sel) l'ho comprato per curiosità dopo averlo visto sugli scaffali dell' Esselunga. E' un sale da un aroma particolare, quasi aromatizzato che non va a prevalere sui gusti del cibo. Veramente ottimo, lo voglio provare anche su altri cibi.
Related Posts with Thumbnails